Chi siamo | Contatti | Mappa italiano inglese

Progetto FORWARD

Popolazione adulta e Lifelong learning: un binomio difficile. Progetto FORWARD: la "ricerca di una via" per raggiungere gli obiettivi di Lisbona 2010

"FORWARD - The way forward to Lisbon 2010" è il titolo e l'obiettivo del progetto appena approvato nell'ambito del Programma di apprendimento permanente 2007-2013 - Programma Trasversale - Key activity 1, di cui la Provincia Autonoma di Trento - Segreteria Generale - Ufficio Fondo Sociale Europeo è risultata assegnataria.

Obiettivo del progetto FORWARD - che verrà realizzato tra marzo 2009 e febbraio 2010 - è quello di fornire ai partner elementi di conoscenza e consapevolezza finalizzati allo sviluppo di strategie di lifelong learning (LLL) in ambito europeo che favoriscano il raggiungimento dei benchmark di Lisbona relativi all'apprendimento, con particolare riferimento all'ambito della "partecipazione della popolazione adulta al LLL". In sintesi, FORWARD si prefigge di contribuire a dare risposta al quesito: come possiamo implementare e realizzare la formazione degli adulti partendo dalla formazione iniziale, migliorandone la coerenza e l'integrazione?

L'idea di progetto è nata dalla consapevolezza che permangono divergenze significative tra gli Stati Membri nei diversi ambiti del LLL e sono tuttora presenti differenze a livello di performance dei singoli Stati, come nel caso del benchmark "partecipazione della popolazione adulta al LLL", per il quale è fissato l'obiettivo del 12,5% entro il 2010. In tale ambito i Paesi del Nord Europa vantano le migliori performance, Regno Unito, Slovenia ed Austria sono in linea con la media dell'UE, mentre altri Stati, quali l'Italia ed il Portogallo, sono ampiamente al di sotto della soglia. Si è ritenuto pertanto necessario analizzare la situazione al fine di comprendere se tali differenze strutturali nei sistemi di LLL possano essere alla base dei diversi livelli di partecipazione, nonché attivare meccanismi per apprendere dai Paesi più avanzati.
Per tali motivi, il partenariato di progetto oltre alla regione marche Servizio Istruzione formazione e lavoro, è costituito da 13 organizzazioni appartenenti a 9 Paesi europei e comprende soggetti pubblici a vario titolo coinvolti nella tematica: si tratta di istituzioni impegnate a livello centrale o locale nella progettazione di politiche di LLL legate alla gestione del mercato del lavoro e alle politiche a sostegno della cittadinanza attiva quali Autorità di Gestione responsabili dei Fondi Strutturali, il di organizzazioni esecutive operanti nel settore della formazione in età adulta e dell'orientamento, nonché di enti responsabili dei Servizi per l'impiego.

Partenariato del progetto FORWARD

  • Provincia Autonoma di Trento - Ufficio Fondo Sociale Europeo (It - Trento) - Capofila e Coordinatore del Progetto
  • Skills for Care (UK - Leeds)
  • VOX - Nasjonalt Senter For Læring i Arbeidslivet (NO - Oslo)
  • Referat Für Arbeit Und Wirtschaft - Landeshauptstadt Muenchen (DE - Monaco)
  • Servicio Público de Empleo de Castilla - La Mancha (ES - Toledo)
  • Wojewódzki Urzad Pracy W Bialymstoku (PO - Bialystok)
  • Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Direzione Centrale Lavoro, Formazione, Università e Ricerca (IT - Trieste)
  • Regione Toscana (IT - Firenze)
  • Regione Marche - Servizio Istruzione Formazione E Lavoro (IT- Ancona)
  • Vytauto Didziojo Universitetas (LT - Kaunas)
  • Esf-Agentschap Vlaanderen Vzw (BE - Brussels)
  • Servei d’ocupació de Catalunya - Generalitat de Catalunya (ES - Barcellona)
  • Conseil Régional du Centre (FR - Orleans Cedex)


Il progetto sarà articolato in tre fasi: inizierà con l'individuazione dei punti di forza e debolezza delle strategie LLL a livello di Paesi partner, per passare poi all'elaborazione di linee guida operative e di un modello di interazione per lo sviluppo e l'implementazione di tali strategie, da sottoporre in forma di raccomandazioni ai decisori nazionali e europei, fino a giungere alla fase finale di condivisione delle attività e degli esiti di progetto all'interno dei Paesi partecipanti. Più in particolare, una volta analizzata la propria realtà locale in relazione alla partecipazione della popolazione adulta al LLL, i partner si confronteranno in merito ai problemi comuni e alle possibili soluzioni, avviando così un meccanismo di confronto finalizzato alla cooperazione e all'apprendimento reciproco. I partner esamineranno altresì i fattori di successo che caratterizzano le pratiche relative al LLL nella loro realtà, analizzando approfonditamente le tematiche chiave per l'individuazione di strategie globali di LLL che tengano conto di problemi trasversali, quali l'accessibilità dell'apprendimento, l'inclusione sociale dei sistemi di apprendimento, la qualità dell'offerta, le competenze degli operatori. Il risultato di tale interazione sarà la predisposizione di linee operative che rappresenteranno un modello aperto e condiviso per la realizzazione di una strategia coerente.

La regia del progetto sarà nelle mani di un Comitato di pilotaggio transnazionale, costituito dai rappresentanti designati da ciascun partner. Tale comitato si occuperà della definizione delle regole di lavoro d'équipe e sarà responsabile dello svolgimento globale del progetto, focalizzando in particolar modo l'attenzione su aspetti quali la gestione e la qualità del progetto, oltre che sull'azione di controllo e valutazione. Il comitato sarà affiancato da un Coordinatore scientifico, figura che avrà il compito di seguire la realizzazione di tutte le attività di progetto, assicurando l'apporto delle competenze tecnico-politiche necessarie all'analisi delle buone pratiche rilevate a livello europeo e alla definizione di linee guida operative per la formulazione di strategie di lifelong learning. Il partenariato condurrà lo studio di progetto sia attraverso la cooperazione in rete che in presenza, mediante l'organizzazione di specifici incontri volti ad elaborare i risultati ottenuti attraverso il processo di analisi. In particolare, la comunità virtuale rivestirà un ruolo centrale nell'analisi dei sistemi di LLL a livello locale, in quanto costituirà un luogo di lavoro collaborativo, a disposizione di tutti i partner, finalizzato alla condivisione, invio, accesso, visione delle informazioni, download di documenti. Tale modalità permetterà l'applicazione del meccanismo di peer review (confronto tra pari), pratica elaborata dall'OCSE che comporta l'istituzione di un team di esperti internazionali (policy makers, consulenti, professionisti ed accademici) al fine di condividere opinioni ed esperienze con i policy makers locali e i relativi attori appartenenti agli Stati e alle Regioni che partecipano alle fasi di analisi. Si prevede che il gruppo virtuale operi non solo durante l'intero ciclo di vita del progetto ma prosegua le attività anche a progetto terminato.

Quanto invece agli incontri previsti dal progetto, l'evento di lancio avrà luogo a Trento durante il primo mese di vita del progetto. Esso rivestirà un'importanza fondamentale per la corretta ed efficace realizzazione delle attività successive, in quanto verranno definiti i componenti del Comitato di pilotaggio, il Coordinatore scientifico e il ruolo dei diversi partner, si stabiliranno i piani di qualità e di valorizzazione, le regole di comunicazione e ci si accorderà infine rispetto al piano di lavoro e alla tempistica delle attività.
Nei mesi a seguire avranno luogo due ulteriori workshop di lavoro. Il primo si concentrerà sugli elementi della formazione iniziale al fine di ridefinire il ruolo dell'istruzione iniziale nell'ambito del LLL. L'obiettivo sarà quello di individuare quali sono i principali elementi di innovazione da applicare al sistema di istruzione iniziale al fine di infondere nelle persone un atteggiamento favorevole rispetto all'apprendimento lungo tutto l'arco della vita. Questo "learning event" si terrà in Norvegia al termine del primo semestre di progetto e coinvolgerà i rappresentanti dei partner aderenti al progetto stesso, il Coordinatore scientifico e le tre organizzazioni che parteciperanno alle attività di valorizzazione (CEDEFOP - European Centre for the Development of Vocational Training, EUROFOUND - European Foundation for Life and Working Conditions e EVTA - European Vocational Training Association). Discussione e confronto fra i partner saranno anche i principali obiettivi del secondo workshop che tratterà della formazione in età adulta. L'obiettivo sarà quello di individuare le caratteristiche della richiesta e dell'offerta di istruzione rivolta agli adulti nell'ambito del LLL, definendo alcuni elementi cardine, quali investimenti, priorità, strumenti, metodologie di istruzione, ecc. Lo scopo principale sarà quello di riconsiderare le politiche che promuovono e riconoscono la competenza non formale ed informale. Questo secondo "learning event" si terrà in Germania, approssimativamente a 9 mesi dall'inizio del progetto.
Infine, al termine del progetto avrà luogo un "sustainability event" allo scopo di riflettere, dal punto di vista politico e tecnico, sui risultati ottenuti dal progetto in termini di lezioni acquisite e sulla promozione della loro sostenibilità nel tempo. Tale evento riunirà un centinaio di persone tra partner, rappresentanti politici a livello europeo, operatori di LLL, la Commissione europea e istituzioni comunitarie che si occuperanno delle attività di valorizzazione. L'evento si terrà in Spagna presso il partner di Toledo - Sepecam.

Destinatari del progetto FORWARD sono in primo luogo i funzionari delle Pubbliche Amministrazioni/Autorità di gestione, partner del progetto e appartenenti ad altri Paesi europei, impegnati nello sviluppo di sistemi nazionali/locali di LLL nonché i principali stakeholder (tra cui gli attori sociali: associazioni datoriali e dei lavoratori, formatori, ecc.) impegnati/interessati allo sviluppo dei corrispondenti sistemi nazionali/locali di LLL. Per quanto riguarda invece l'impatto, i destinatari dei risultati del progetto saranno le istituzioni e le autorità responsabili della progettazione di interventi di LLL. FORWARD fornirà loro le risorse cognitive, gli approcci metodologici nonché; gli strumenti operativi necessari per attuare strategie pertinenti, integrate ed efficaci. Un'ampia consultazione con gli stakeholder a livello locale, nazionale ed europeo permetterà inoltre di condividere i risultati e la conoscenza prodotta. In questa fase, la sfida sarà costituita dall'attività di mainstreaming dei risultati nei sistemi locali, realizzata mediante l'organizzazione di focus group, strumento per fornire ai policy makers gli elementi necessari allo sviluppo e all'implementazione di una strategia integrata di LLL.

Nel complesso si prevede il coinvolgimento di 250/300 persone, che saranno raggiunte in primo luogo attraverso alcune reti transnazionali già esistenti: ESF CoNet (rete di collaborazione transnazionale con lo scopo di accompagnare e favorire la realizzazione dei diversi Programmi Operativi Fondo Sociale Europeo 2007-2013) attivata e coordinata dalla PAT ed alla quale aderiscono già alcuni partner del progetto Forward, EARLALL (rete di collaborazione transnazionale in materia di politiche, strategie e metodi per il LLL), a cui la PAT partecipa, e altre reti quali la rete EVTA, cui aderiscono altri partner. Inoltre, attraverso il portale Euractiv.com, piattaforma online rivolta agli operatori delle politiche comunitarie, con particolare focus sulle posizioni da questi adottate nel tentativo di influenzare le politiche già nella fase pre-legislativa, si estenderà la rete di conoscenze in grado di portare un notevole valore aggiunto ai risultati di progetto.

Il lavoro congiunto della partnership, l'interazione con le reti europee che si occupano di politiche e azioni comunitarie, la diffusione dei risultati tra gli stakeholder locali dei Paesi partner, dovrebbe dunque consentire a FORWARD di ottenere importanti soluzioni in termini politici, istituzionali e pratici al fine di delineare una strategia integrata di lifelong learning in vista degli obiettivi di Lisbona 2010.

Referenti del progetto

Dr. Mauro Terzoni - Dirigente Servizio Istruzione Formazione e Lavoro
Tel. 071.806.3739 - Fax 071.806.3018

Dr.ssa Raffaella Triponsi - Servizio Istruzione Formazione e Lavoro
Tel. 071.806.3823 - Fax 071.806.3018
StampaVersione stampabile